10 cose da sapere sulle FIERE d’arte

10 cose da sapere sulle FIERE d'arte

FIERE D’ARTE – 10 cose da sapere sulle fiere in Italia e all’estero

Fiere d’arte. Calendario alla mano alcune delle fiere d’arte più importanti sia in Italia che all’estero si avvicinano quindi ho pensato di realizzare questo post su 10 cose da sapere sulle fiere d’arte. Ma anche tutto ciò che devi sapere e magari non hai mai avuto il coraggio di chiedere.

Iniziamo con la domanda più semplice.

1. Cosa è una fiera d’arte? 10 cose da sapere sulle fiere d’arte

Una fiera d’arte è una fiera come molte di altri settori. Si tratta di un luogo in cui per 3/4 giorni si ritrovano collezionisti, galleristi, curatori, art advisor e amanti dell’arte per discutere dei nuovi lavori ma anche e soprattutto per vendere e comprare opere d’arte.

Come altre fiere anche quella d’arte ha una doppia veste: economica e culturale. Da una parte infatti fa incontrare galleristi e collezionisti di tutto il mondo, ma dall’altra permette agli amanti dell’arte di poter vedere importanti opere e scoprire artisti ancora sconosciuti.

Alcune fiere internazionali non vengono chiamate Art Fair ma Show, questo per sottolineare anche l’importanza della componente culturale. E in alcuni casi, come Art Basel, ad oggi la fiera d’arte più importante al mondo che si svolge a Basilea ogni anno nel mese di giugno, sono organizzati degli eventi espositivi collaterali.

Il più interessate secondo me, proprio in occasione di Art Basel è Unlimited, la mostra che va oltre l’idea tradizionale di arte e mette insieme sculture, dipinti, video installazioni e performance in larga scala e talvolta davvero di dimensioni immense.

 

2. Come sapere quando e dove si svolgerà una fiera d’arte? 10 cose da sapere sulle fiere d’arte

Il calendario delle fiere d’arte sia in Italia che all’estero è abbastanza regolare. Da gennaio a dicembre, un po’ come per le aste alcuni eventi sono fissi in agenda. Ad esempio, in Italia ArteFiera a Bologna ogni anno viene organizzata a gennaio mentre il MIARt a Milano è quasi sempre in primavera ad aprile.

Tutte le fiere vengono organizzate nei weekend, solitamente da giovedì a domenica o lunedì.

Se siete indecisi sulle date di una fiera e non volete o non potete consultare il sito ufficiale dell’evento oppure volete scoprire quali sono le fiere che si svolgeranno in tutto il mondo durante l’anno la soluzione è una: visitare il sito di Artsy nella sezione fiere. Qui troverete un calendario diviso in tre sezioni: fiere del periodo, passate o future. Io lo trovo molto molto utile e fin dall’inizio dell’anno lo utilizzo per segnarmi in agenda le date delle fiere a cui potrei partecipare.

Quest’anno ho in programma: London Art Fair (16-20 Gen), ARCO Madrid (27 Feb-3 Mar), MIART (5-7 Apr), London Affordable Art Fair (9-12 Mag), Art Basel (13-16 Giu), Parigi FIAC (17-20 Ott) e Torino Artissima (1-3 Nov).

 

3. C’è un giorno ideale in cui andare a una fiera d’arte? 10 cose da sapere sulle fiere d’arte

Questa è una bella domanda. Come vi dicevo solitamente le fiere si svolgono da mercoledì a domenica, ma il primo giorno è sempre dedicato al vernissage, quindi all’inaugurazione su invito.  Questo primo giorno è riservato a collezionisti VIP, artisti, giornalisti scelti e curatori. non tutti quindi possono partecipare. In queste occasioni se si riesce ad ottenere l’invito naturalmente si avrà modo di incontrare nelle grandi fiere internazionali anche collezionisti noti come Leonardo di Caprio o grandi artisti.

Dal giovedì o venerdì in poi l’ingresso è disponibile per tutti quelli che comprano il biglietto. Molti collezionisti cercano di essere presenti già dal primo giorno per poter fare gli affari migliori. E il sabato e la domenica, essendo per molti i giorni liberi dal lavoro, rischiano di essere un po’ affollati.

Quindi a mio parere, se si riesce è meglio evitare il weekend sia per la confusione che per l’atmosfera e andare il venerdì che è il giorno più tranquillo.

 

4. Devo prenotare un biglietto prima di andare? 10 cose da sapere sulle fiere d’arte

Se non si è fortunati e non si ha un invito con ingresso gratuito, bisognerà acquistare il biglietto. Il prezzo varia in base alla fiera: in Italia il biglietto intero per il MIARt ad esempio costa 15€ o con prenotazione online 12. Ma per fiere internazionali come Art Basel in biglietto intero valido un solo giorno può costare anche più di 40€. Ci sono diverse riduzioni per studenti e giovani ma anche grazie all’acquisto online del biglietto.

Prenotare il ticket è la cosa più intelligente da fare secondo me perchè permetterà di non fare la fila e di pagare un ingresso ridotto. Bisogna infatti sempre considerare che molte fiere aprono alle 11 e chiudono intorno alle 7 di sera quindi sarà davvero impossibile vedere tutto ciò che si desidera dovendo fare anche la fila per il biglietto e diventerà stancante e stressante.

5. Come organizzare il giro in fiera? 10 cose da sapere sulle fiere d’arte

Per evitare stress e confusione vi è un’unica soluzione: pianificare il giro in fiera. Online si trovano sempre la lista degli artisti e delle gallerie che partecipano alla fiera quindi basterà segnare quali sono le più interessanti per noi.

Arrivati in fiera, poi, basterà, prendere una delle mappe e fare il giro che si preferisce sulla base degli interessi. Ogni tanto alcune fiere hanno anche delle app scaricabili con la mappa interattiva che segnala il percorso. Super utili!!

Se non avete una lista di preferiti allora il mio consiglio è quello di girare tutta la fiera dal primo all’ultimo stand fermandovi quando un’opera o un’esposizione vi colpisce particolarmente.

 

6. Chi sceglie quali gallerie partecipano ad una fiera d’arte? 10 cose da sapere sulle fiere d’arte

Ogni galleria che desidera partecipare non solo dovrà pagare lo spazio e allestirlo a suo spese, ma dovrà soprattutto fare una “application”. Dovrà quindi presentare un progetto espositivo legato a un solo artista o a una collettiva. Sarà poi compito del comitato di selezione composto da curatori e talvolta altri galleristi stabilire se gli standard del progetto presentato sono accettabili o meno.

Naturalmente più è nota la fiera più sarà complesso parteciparvi. Per questo le giovani gallerie cominciano partecipando a fiere locali, legate al territorio nazionale e poi un po’ alla volta crescendo cercano di presentare progetti anche per spazi di ridotte dimensioni nelle fiere internazionali più note.

Ogni galleria paga per il suo spazio espositivo. In base alle dimensioni quindi alla metratura e alla posizione la cifra cresce. Alcune gallerie richiedono anche di essere o non essere vicine ai diretti concorrenti o a galleristi più noti e che attraggono maggiore pubblico. Sempre legata al rapporto tra gallerista e collezionista o amante dell’arte la prossima domanda viene spontanea.

 

7. Posso chiedere informazioni sull’opera e il prezzo? 10 cose da sapere sulle fiere d’arte

Certo!! La risposta è e sarà sempre Sì. I galleristi e spesso le assistenti di galleria sono lì per quattro giorni per rispondere alle domande. Si sono preparati a lungo, è il loro lavoro, conosco gli artisti se viventi, possono raccontare storie divertenti. Bisogna fare domande sia sui lavori che sui prezzi.

Certo, come sempre non bisogna esagerare né prendersela se dopo una lunga conversazione si viene salutati per rispondere alle domande di un altro collezionista. I galleristi sono anche lì per concludere una vendita e fa parte del loro lavoro.

Quindi chiedete informazioni, prezzi e se avete intenzione di comprare anche uno sconto. Il prezzo che viene indicato è un prezzo che già considera spesso una possibile trattativa. Solitamente però è meglio evitare di chiedere uno sconto del 50% perchè la risposta sarà di certo un No, gentile o diretto. Meglio partire con un 5-10% che spesso è un giusto compromesso.

Inoltre, se siete curiosi di saperne un po’ di più su Come si calcola il prezzo di un’opera d’arte (guida completa) vi consiglio di leggere il mio post sull’argomento. Così potrete arrivare preparati e fare le domande giuste sull’opera, il curriculum dell’artista e il coefficiente.

In tema vendite, la prossima curiosità può venire a chi una fiera l’ha già visitata.

 

8. Cosa indicano gli adesivi tondi rossi vicini alle opere? 10 cose da sapere sulle fiere d’arte

Gli adesivi rossi indicano semplicemente che l’opera è stata venduta. Al contrario di altre esperienze di shopping in cui acquistiamo qualcosa e la portiamo fieri sottobraccio verso casa i collezionisti d’arte durante le fiere preferiscono farsi inviare l’opera a casa spesso.

E questo non dispiace neanche ai galleristi che possono dimostrare di avere qualcuno che crede nel loro lavoro e in quello degli artisti che rappresentano. E al tempo stesso permette di evitare di riallestire la parete ogni volta che l’opera è venduta, ma piuttosto di farlo alla fine della giornata.

 

9. Come mi devo vestire per andare a una fiera d’arte? 10 cose da sapere sulle fiere d’arte

Questa è una domanda tricky. Non esiste un dress code, si può andare come si desidera: comodi o eleganti. Non bisogna rimanere stupiti, però, se degli standard da una fiera all’altra verranno rispettati. Ad esempio, molte assistenti di galleria saranno sempre in abito nero con tacco e molti artisti o collezionisti vestiranno in maniera eccentrica e divertente. Ma ognuno è se stesso ed anche questo è il bello delle fiere d’arte.

 

10. Troverò da bere o da mangiare in una fiera d’arte? 10 cose da sapere sulle fiere d’arte

Nessuno può resistere in piedi per 10 ore senza mangiare o bere qualcosa, e per di più stiamo parlando di una fiera d’arte: ovvio che ci sarà da mangiare!! I più fortunati troveranno un aperitivo o un bicchiere offerto in galleria o negli stand degli sponsor. Chi invece non vuole approfittare dell’occasione può tranquillamente acquistare un tramezzino e una bottiglia d’acqua al bar interno o approfittare del ristorante. Nelle fiere migliori c’è anche tanto street food, veloce e un po’ più economico.

 

Spero che questo post sulle 10 cose da sapere sulle fiere d’arte vi sia piaciuto. Mi piacerebbe farne un altro con una breve storia delle fiere dalle origini a oggi quindi mi raccomando se vi interessa scrivetemelo nei commenti e iscrivetevi al canale Youtube per non perdervi video su temi come questo legati al mondo dell’arte. Poi, se volete seguirmi in giro per le fiere d’arte ne parlo sempre su Instagram @artnthecities.

 

#sistemadellarte

F. Poli, Il sistema dell’arte
D. Thompson, Bolle, baraonde e avidità

Il video sul canale