ArtantheCities
ART TRAVEL
& MORE
Follow me

Search

Furti d’arte nel periodo di Natale? Qualche mese fa vi ho raccontato in un video qui sul canale di una serie di furti d’arte avvenuti in musei e gallerie in giro per il mondo. Il tema dei furti infatti mi ha sempre incuriosito molto. Da una parte perchè ho un’anima da piccola detective soprattutto per le cose dell’arte. E dall’altra perché mi sono sempre chiesta come si possa rubare una cosa che in teoria dovrebbe poi essere così difficile da rivendere. E invece non deve essere poi così difficile se ci sono così tanti misteri più o meno risolti. Uno di questi è accaduto proprio nel periodo di Natale. Io sono Clelia e oggi vi racconto dei tre furti del Natale del 1990 a New York. 

La storia emersa dall’asta di Sotheby’s del 2019

Di questa serie di furti di cui vi racconto oggi per un bel po’ di tempo non si sapeva molto online, tranne che grazie a stralci di giornale locale newyorkesi. A seguito poi di un’asta di Sotheby’s della primavera del 2019 una serie di critici e curatori dell’arte si sono appassionati a questo episodio e hanno cominciato ad indagare. 

Il tutto è nato infatti da un record d’asta per un’opera di Lee Krasner, moglie di Jackson Pollock. All’interno del catalogo di Sotheby’s veniva accennata una vicenda che aveva coinvolto quest’opera anni prima. Incuriosito dalla notizia un reporter americano di nome Nate Freeman ha voluto indagare per scriverci un pezzo e ricostruire la storia, che io vi racconto oggi grazie alle sue ricerche. 

Furti d’arte a Natale – 1. Peder Bonnier

Il primo di questi furti riguarda un gallerista americano abbastanza famoso nel mondo dell’arte negli anni ‘80 e ‘90. Si tratta infatti di Peder Bonnier, che è rimasto nella storia per aver convinto l’amico Larry Gagosian ad aprire la sua prima galleria a New york nella zona di Chelsea, prendendo in affitto nel 1986 uno spazio nell’edificio di proprietà di un famoso artista italiano Sandro Chia. 

Ma Peder Bonnier abbiamo detto è coinvolto in prima persona nel primo furto del 1990, avvenuto il 17 dicembre nella sua galleria che si trova esattamente nello stesso edificio di quella di Gagosian. Secondo la stampa locale qualche settimana dopo il furto se n’è saputo di più. la cosa assurda è che il report della polizia dice che sia stata rubata una sola opera a gauche dell’artista William De Kooning. Un lavoro del 1962 del valore di 750 mila dollari. Non si scherza. Di tutta la galleria, il furto è avvenuto nell’ufficio di Bonnier e il ladro ci è semplicemente arrivato in ascensore e senza lasciare traccia del suo passaggio.

Furti d’arte a Natale – 2. Il quadro di Lee Krasner

Il secondo furto d’arte in città è avvenuto esattamente due giorni dopo: il 19 dicembre del 1990. Questa volta non solo ha coinvolto un altro importante gallerista, ma ad essere stato rubato è stato proprio il quadro della Krasner che poi ha fatto nel 2019 il record d’asta. Vi racconto com’è andata secondo la polizia e i giornali.

Questa volta siamo a Manhattan e i quadri rubati sono due, entrambi dal settimo piano di un palazzo in cui si trovano sia la galleria spazio espositivo che la casa di John Chaim della famosissima galleria americana Chaim Read. Fatto sta che anche questa volta i ladri hanno fatto un lavoro da maestri senza lasciare traccia e per di più in pieno giorno. Tra le 11 del mattino e le 6 del pomeriggio si sono intrufolati in casa e hanno rubato due opere.  Quella di Krasner che allora valeva 1 milione di dollari contro gli 11 di adesso e un Salle del valore di 400.000$. 

Furti d’arte a Natale – 3. Il Soutine rubato

Passano esattamente altri due giorni. Guarda il caso! E avviene il terzo furto, ovviamente il più strano dei tre. Questa volta viene rubato un Soutine del 1922. La cosa va così. Il quadro era stato portato dal corniciaio e al momento del furto si trovava all’interno di un camion che veniva usato dalla gallerie per girare per la città per questo genere di faccende. Tra i vari giri di quel giorno l’autista si ferma a consegnare un’altra opera e mentre è via per solo pochi minuti a detta sua qualcuno si intrufola nel camion e si mette alla guida di corsa per poi scomparire.

Ovviamente il furto subito insospettisce per due motivi. Il primo è il tempismo. Come è possibile che un passante abbia deciso di rubare proprio in quel momento un camion? Ovviamente il ladro sapeva cosa ci fosse all’interno e quali fossero le tappe. E il secondo è proprio quello che dicevo all’inizio. Il valore e l’importanza di quest’opera avrebbero reso la vita difficile a qualsiasi ladro che volesse venderla sul mercato nero. 

Come si sono chiusi i casi?

Ma che fine hanno fatto queste 4 opere rubate e soprattutto come si sono chiusi i casi? Beh I casi non sono mai stati chiusi nè dalla polizia locale nè dall’FBI. La motivazione per la quale questi 3 casi sembrano non aver avuto così tanta fortuna e attenzione da parte degli investigatori sembra essere il fatto che come vi ho raccontato nell’altro video giusto pochi mesi prima era avvenuto il furto a Boston all’isabella Stewart Gardner Museum e tutti erano impegnati nel cercare di risolvere quello dato il valore delle opere. 

Gli ultimi sviluppi

Inoltre poi nel tempo qualche sviluppo c’è stato. Le due opere del loft di Robert Miller dopo neanche un anno sono apparse dal nulla sul mercato nero e sono state recuperate e riconsegnate ai legittimi proprietari che l’anno scorso hanno poi dato a Sotheby’s per l’asta il Krasner. Il camion del Soutine è stato ritrovato vuoto dopo pochi giorni nel quartiere di Harlem ma del dipinto non c’era traccia. e infine della prima delle opere rubate il De Kooning ancora non si sa nulla e forse mai si saprà. 

Furti d’arte a Natale. Erano forse collegati?

La domanda però che sorge spontanea è: visto come si sono concluse così diversamente queste tre vicende è un caso che siano avvenute tutte a distanza di 2 giorni l’una dall’altra o invece no? Probabilmente non lo sapremo mai! Però alcuni giornalisti hanno fatto notare nel riportare le informazioni come la tempistica possa essere dovuta più ad una voglia di regali d Natale e quind a dei furti su commissione che ad una vera relazione fra le tre vittime. 

E se questo post a tema furti di Natale ti è piaciuto iscriviti al mio canale YouTube per non perdere i prossimi video legati ad arte, viaggi e mercato. Inoltre ti consiglio di dare un’occhiata al mio post sui 9 furti più noti della storia dell’arte e a quello sul dripping di Jackson Pollock.

Grazie e alla prossima! 


Acquista su Amazon

Questo sito contiene link di affiliazione ai prodotti. Potrei ricevere una commissione per gli acquisti effettuati tramite questi link.